Narrazioni sensibili

Narrazioni Sensibili

NARRAZIONI SENSIBILI
Scoperte di senso e racconti della fragilità nelle valli Giudicarie.
Laboratorio territoriale di ascolto, incontro e storytelling sul tema della fragilità.

Un percorso rivolto alla classe Prima dell’Università Popolare Trentina – Scuola delle Professioni per il Terziario di Tione.
Con la supervisione della prof.ssa Michela Giovanelli e la collaborazione della prof.ssa Gabriella Zanetti.

ottobre 2017 – febbraio 2018

NARRAZIONI SENSIBILI > laboratorio

CHI SIAMO
Collettivo Portobeseno + Gruppo Come ti suona
Progetto, laboratorio e coordinamento artistico: Sara Maino
Assistenti di laboratorio: Stefania Formisano, Gioele Maiorca
Web project e archivi digitali: Davide Ondertoller

Comunità delle Giudicarie e UPT – Scuola delle Professioni per il Terziario di Tione presentano un progetto laboratoriale di “Narrazioni sensibili” rivolto agli studenti della classe Prima.

Un percorso laboratoriale ideato per scoprire e raccontare la comunità attraverso voci ed esperienze di vita vissuta, in collaborazione con enti che organizzano servizi a sostegno della fragilità e della disabilità per adolescenti e preadolescenti, adulti e persone anziane.

NARRAZIONI SENSIBILI > laboratorio

Il laboratorio si svolge in undici incontri e si focalizza sull’educazione all’ascolto attraverso l’allenamento sensoriale, la registrazione di suoni ambientali in cui si usa una particolare capacità di attenzione e uno sguardo creativo, la formazione in ambito sociale, la ricerca e la realizzazione di interviste.

Narrazioni Sensibili

Scopo della ricerca è raccogliere insieme alle allieve e agli allievi diverse testimonianze sul tema della fragilità presso alcuni centri delle Valli Giudicarie, per valorizzare l’esperienza dell’incontro e narrarne le storie. Il percorso mira a sviluppare competenze sociali e civiche, tecnologiche e digitali. Al termine delle attività previste per i primi mesi del 2018, gli studenti presenteranno e condivideranno al pubblico l’esperienza di ricerca maturata in uno storytelling.

ARCHIVI (in allestimento)

Schermata 2017-11-23 a 16.23.03

 

Visualizza a schermo intero

Archivio sonoro NARRAZIONI SENSIBILI
Archivio fotografico NARRAZIONI SENSIBILI

Tutti i contentuti pubblicati sono rilasciati con licenza Creative Commons, puoi condividere e utilizzare tali contenuti citando la fonte. Non sono permessi usi commerciali.
Per informazioni scrivere a info@portobeseno.it .

001_IMG_1093

CON IL SOSTEGNO DI

Comunità delle Giudicarie

UPT Scuola delle Professioni per il Terziario di Tione

IN COLLABORAZIONE CON
Cooperativa sociale L’Ancora – Centro di Tione
Cooperativa sociale Il Bucaneve – Centri di Storo e Bersone
Apsp Pinzolo – Centro residenziale “Abelardo Collini”

Narrazioni Sensibili

Annunci

Per Narrare Brenzone

DSC_5910_copy

Per Narrare Brenzone
IC Malcesine (VR) ottobre-novembre 2017
a cura di Sara Maino
progetto Portobeseno

Il percorso è suddiviso in tre incontri con l’obiettivo di scoprire, raccontare e immaginare il territorio di Brenzone attraverso l’ascolto e la registrazione digitale dei suoni ambientali e del paesaggio sonoro e culturale.
DSC_5929_copy
ph Sara Maino

Festival Montagne racconta

fabecc80l_02-rgb.jpg

Festival Montagne Racconta
Venerdì 21 luglio 2017
Piaza picióla, Montagne (Tn)
ore 19.30

Fa bèl – Racconti da una comunità che cambia

7 postazioni sparse in corti, volt e osterie del paese.
In ogni postazione una guida speciale racconta un po’ della vita di Montagne, incrociando storie di una volta con un nuovo sentire.
2 guide itineranti conducono il pubblico tra le varie postazioni.

Entriamo a Montagne in punta di piedi, ascoltando i suoi abitanti, le storie che nascono tra le corti, le energie che qui si muovono. Apriamo con delicatezza l’uscio: dall’interno filtra una luce. Coinvolgiamo in questo fare l’intera comunità, dai giovani agli anziani ai ragazzi- per raccogliere, memorizzare e immaginare tracce di vita. Piccole storie circolari che narrano cambiamenti, speranze, desideri e futuro. Per “fare bello”.
Come scrive Franco Arminio: “Restare ha senso solo se si capisce che un paese non è una nicchia, ma un luogo in cui entrare e uscire, una dimora forata, una frontiera. Il paese deve muoversi sulle sue radici, sulla sua terra”.

Un evento ideato e creato da Sara Maino insieme con le giovani e i giovani della Pro Loco, delle ragazze e dei ragazzi, delle anziane e degli anziani di Montagne.

Evento > Facebook
Descrizione > Link
Immagini e articoli > Flickr

Ascolto & Registro

RASSEGNA DI INCONTRI “ALTIPIANI DIGITALI
Venerdì 19 maggio 2017
ore 15-19
Biblioteca Comunale “C.Musatti” Folgaria – TN

Ascolto & Registro
a cura di Sara Maino

Ciclo di incontri dedicato agli archivi digitali e ai social network per organizzare, raccontare e valorizzare la memoria e la contemporaneità degli Altipiani Cimbri.
Attraverso la guida di esperti impareremo a conoscere e usare le reti sociali digitali: dalla narrazione di sè alla promozione del territorio o di un evento culturale.
La proposta formativa si pone due obbiettivi: approfondire le tecniche di comunicazione e della gestione dei contenuti, offrire inoltre degli spunti creativi attraverso sessioni che prevedono fasi pratiche e teoriche.

Quinto appuntamento di Altipiani Digitiali: ASCOLTO E REGISTRO. In compagnia di Sara Maino affineremo il nostro udito, svilupperemo la nostra capacità di ascolto per riuscire a percepire i micro suoni e il paesaggio sonoro più complesso, impareremo a utilizzare un registratore sonoro, a realizzare brevi interviste audio.

Narrare il territorio

Narrare il territorio 2017
Narrare il territorio

Laboratori di raccolta di suoni e di storie di Comunità
marzo-aprile 2017

laboratorio di educazione all’ascolto
laboratorio di registrazione dei suoni ambientali
incontro tra generazioni con raccolta di interviste

dai suoni alle storie ascoltando

Comune di Besenello e Comune di Calliano

a cura di Portobeseno (Sara Maino e Davide Ondertoller)
con la collaborazione dell’Istituto Comprensivo Alta Vallagarina

Narrare il territorio 2017

Articolo su Il Trentino

17634369_1468081633210693_442011553570910295_n

Narrare il territorio 2017//embedr.flickr.com/assets/client-code.js

ConCerti Sguardi

Video

Schermata 2017-03-12 a 22.24.56

Da ottobre 2016 collaboro, in qualità di regista e docente di video, con i musicisti di AllegroModerato di Milano.

AllegroModerato è una cooperativa gestita da esperti e insegnanti con competenze specifiche e una lunga esperienza nella pedagogia e nella didattica musicale speciale, nella musicoterapia e nella riabilitazione.
La persona che ha difficoltà nell’organizzazione del pensiero, nella gestione delle emozioni e delle relazioni, trova nel pieno esercizio della qualità della musica, la possibilità di esprimere il proprio mondo interiore e di condividerlo con profondità.

Il mio compito è di formare sei videomakers, scelti tra gli allievi della scuola, per raccontare dall’interno le sue svariate attività orchestrali e musicali.
Il progetto si intitola “ConCerti Sguardi”.

Questo video racconta la nostra prima uscita come reporter dell’attività musicale di AllegroModerato nel reparto di pediatria dell’Ospedale San Carlo di Milano.

> Pagina Facebook
> Sito AllegroModerato

Storytelling del territorio

Sono in corso di pubblicazione gli ultimi video di interviste realizzati nell’ambito del progetto Narrare il territorio della Vallagarina.

Ecco la playlist > video

Narrare il territorio
è un progetto attivo dal 2010 a cura di Sara Maino e Davide Ondertoller

consiste nell’esplorazione di un territorio attraverso la pratica laboratoriale dell’ascolto, dell’incontro intergenerazionale e dello storytelling digitale.

Il metodo sviluppato nell’ambito dei laboratori in Alta Vallagarina e a Rovereto attiva l’ascolto attraverso un percorso che collega lo studio del paesaggio sonoro alla raccolta delle memorie orali narrate dalle persone anziane.

L’obiettivo è di stimolare la conoscenza di un territorio attraverso gli elementi acustici e narrativi per creare un archivio di racconti a più voci.

I laboratori sono indirizzati alle scuole di ogni ordine e grado.

Restituzione pubblica Enfant Terrible#6 Fies

15107418_1260747467319884_4036042879456690313_nSabato 26 novembre alle ore 16
Centrale FIES art work space
Loc. Fies 1, Dro

‘Ascolto e invento Dro’
Installazione audio e video
Una narrazione (sotto forma di suoni, disegni, tag cloud) del laboratorio dedicato alla raccolta e alla rielaborazione di suoni ambientali.
Il laboratorio a cura di Portobeseno, prodotto da Centrale Fies nell’ambito di Enfant Terrible #6, ha coinvolto quattro classi della scuola primaria di Dro e Pietramurata nei mesi di ottobre e novembre.

Dro_3C_Alex//embedr.flickr.com/assets/client-code.js

ASCOLTO E INVENTO DRO

CENTRALE FIES art work space
ENFANT TERRIBLE#6
ASCOLTO E INVENTO DRO
Ascolto e invento Dro
PORTOBESENO / Davide Ondertoller, Sara Maino

Un lab per scoprire, raccontare e reinventare #Dro attraverso l’ascolto e la registrazione digitale dei suoni ambientali e del paesaggio sonoro.
Continua l’esplorazione del territorio attraverso lo sguardo di artisti, creativi e bambini nei lab di #centralefies per la scuola primaria!
schermata-2016-11-01-alle-11-27-47